Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage > Come fare per... > Titoli di Credito
contattaci
News

25/01/23 - Novità Legislativa In Tema Di Autorizzazione Alla Vendita Di Beni Ereditari
Dal 1° marzo 2023, con l’entrata in vigore dell’art. 21 del d. lgs. n. 149 del 10/10/2022, sarà possibile richiedere direttamente al notaio incaricato della stipulazione dell’atto di vendita il rilascio delle autorizzazioni a vendere beni ereditari necessarie in caso di accettazione con beneficio d’inventario, ivi incluse le ipotesi in cui intervenga un minore, un interdetto, un inabilitato o un soggetto beneficiario della misura dell'amministrazione di sostegno (art. 747 c.p.c.). N.B. restano invece riservate in via esclusiva al tribunale le autorizzazioni per promuovere, rinunciare, transigere o compromettere in arbitri giudizi, nonché per la continuazione dell'impresa commerciale. Leggi qui
19/07/22 - Comunicazione front office archivio generale

A causa di problemi dell'impianto di climatizzazione, il giorno 21 luglio 2022 il front office dell'archivio generale funzionerà solo in modalità virtuale.

Leggi il comunicato


12/07/22 - Costituzione della Cancelleria della Sezione Feriale 2022

Per il periodo 27 luglio - 2 settembre 2022 è costituita la Cancelleria della Sezione Feriale del Tribunale di Milano.

Leggi l'ordine di servizio


12/07/22 - Costituzione della Cancelleria della Sezione Feriale 2022

Per il periodo 27 luglio - 2 settembre 2022 è costituita la Cancelleria della Sezione Feriale del Tribunale di Milano.

Leggi l'ordine di servizio


certificati online
prenotazione_udienze
tirocinio_formativo
trascrizioni_sentenze
processo_telematico


Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!

Ammortamento di assegni bancari e circolari

COSA E'
Il legittimo portatore di un assegno (e cioe': il prenditore o ultimo giratario, il cessionario, l'erede, il custode, il rappresentante dell'avente diritto, il beneficiario e l'Istituto emittente) che ne abbia perso il possesso a causa di smarrimento, distruzione o furto, puo' rivolgersi al Presidente del Tribunale dove l'assegno e' pagabile, o al Presidente del Tribunale dove e' residente chi presenta l'istanza, per ottenere un provvedimento che dichiari l'inefficacia dell'assegno smarrito, distrutto o sottratto e lo autorizzi ad ottenere il pagamento dal debitore. Il provvedimento del Giudice (denominato ammortamento) pertanto sostituisce il titolo di credito smarrito, distrutto o sottratto.
Il provvedimento di ammortamento diviene definitivo e, di conseguenza, il titolo ammortato rimane privo di ogni effetto soltanto quando non sia stata proposta opposizione. L'assegno bancario, l'assegno circolare, il vaglia bancario, sui quali risulti apposta la clausola "NON TRASFERIBILE" non sono soggetti alla procedura di ammortamento.


NORMATIVA DI RIFERIMENTO
Art. 69 e ss R.D. 21/12/33 n. 1736


CHI PUO' RICHIEDERLO
Il prenditore o ultimo giratario dell'assegno, il cessionario, l'erede, il custode, il rappresentante dell'avente diritto, il beneficiario e l'Istituto emittente.


ASSISTENZA DI UN DIFENSORE
L'assistenza di un difensore e' facoltativa.


COME SI RICHIEDE e DOCUMENTI NECESSARI
Per ottenere l'ammortamento dell'assegno bancario/circolare occorrono:
- ricorso al Presidente del Tribunale (modulo ammortamento assegni) e relativa nota d'iscrizione;
- contributo unificato di € 98,00;
- marca da bollo da € 27,00;
- denuncia all'autorita' Polizia e/o Carabinieri, ecc. (da presentare anche all'istituto emittente).


DOVE SI RICHIEDE
Tribunale di Milano - lato San Barnaba - 20 122 Milano
Cancelleria Volontaria Giurisdizione, VI piano, stanza n. 21
Orario: lunedi' al venerdi' dalle ore 9.00 alle ore 13.00


QUANTO COSTA
- Contributo unificato di € 98,00
- Marca da bollo da € 27,00


TEMPI
Da 15 giorni a 1 mese.


MODULI STANDARD
- Nota di iscrizione a ruolo
- Modulo ammortamento assegni bancari e circolari
- Modello versamento contributo unificato
- Dichiarazione di valore

 


POSSIBILITA DI IMPUGNAZIONE
Si'


NOTE
Decorsi i termini previsti per ciascuna tipologia senza che sia intervenuta una opposizione, il ricorrente deve richiedere all'ufficio Ruolo Generale un certificato "di non opposizione" per poter esigere il pagamento del titolo di credito o per ottenerne un duplicato dall'Istituto emittente.