Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

Homepage > Come fare per... > Tutela e Persona
contattaci
News

25/01/23 - Novità Legislativa In Tema Di Autorizzazione Alla Vendita Di Beni Ereditari
Dal 1° marzo 2023, con l’entrata in vigore dell’art. 21 del d. lgs. n. 149 del 10/10/2022, sarà possibile richiedere direttamente al notaio incaricato della stipulazione dell’atto di vendita il rilascio delle autorizzazioni a vendere beni ereditari necessarie in caso di accettazione con beneficio d’inventario, ivi incluse le ipotesi in cui intervenga un minore, un interdetto, un inabilitato o un soggetto beneficiario della misura dell'amministrazione di sostegno (art. 747 c.p.c.). N.B. restano invece riservate in via esclusiva al tribunale le autorizzazioni per promuovere, rinunciare, transigere o compromettere in arbitri giudizi, nonché per la continuazione dell'impresa commerciale. Leggi qui
19/07/22 - Comunicazione front office archivio generale

A causa di problemi dell'impianto di climatizzazione, il giorno 21 luglio 2022 il front office dell'archivio generale funzionerà solo in modalità virtuale.

Leggi il comunicato


12/07/22 - Costituzione della Cancelleria della Sezione Feriale 2022

Per il periodo 27 luglio - 2 settembre 2022 è costituita la Cancelleria della Sezione Feriale del Tribunale di Milano.

Leggi l'ordine di servizio


12/07/22 - Costituzione della Cancelleria della Sezione Feriale 2022

Per il periodo 27 luglio - 2 settembre 2022 è costituita la Cancelleria della Sezione Feriale del Tribunale di Milano.

Leggi l'ordine di servizio


certificati online
prenotazione_udienze
tirocinio_formativo
trascrizioni_sentenze
processo_telematico


Valid XHTML 1.0 Strict Valid CSS!

Trattamento sanitario obbligatorio (TSO)

COSA E'
Il trattamento sanitario obbligatorio e' uno strumento cautelare rivolto verso una persona affetta da malattia mentale, nella fase acuta della sua situazione di malessere psichico. Tale provvedimento e' adottato dal Sindaco che agisce nella sua veste di autorita' sanitaria locale, con il potere di emettere ordinanze urgenti per imporre coattivamente il ricovero di un soggetto malato in struttura ospedaliera oppure in un altro luogo di cura, al fine di consentire l'applicazione d'idonee terapie. Pertanto il TSO e' compatibile con la norma costituzionale prevista dall'art. 32 co. 2 della Costituzione: esso si fonda su una proposta che e' formulata da un primo medico che ha valutato le condizioni del soggetto, mentre ad un secondo medico della ASL spetta la formulazione dell'eventuale convalida.


A seguito di queste due certificazioni, il sindaco puo' emettere l'ordinanza che dispone il TSO ed e' tenuto a trasmetterla tempestivamente al Giudice tutelare entro 48 ore dal ricovero. Lo stesso nelle 48 ore successive deve provvedere alla convalida dell'ordinanza sindacale. Se il TSO non viene convalidato, il sindaco deve disporne l'immediata cessazione. Il ricovero puo' proseguire con il consenso volontario della persona e, in tal caso, non e' piu necessario l'intervento del Giudice.


NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Legge 833/1978; Legge 180/1978; art. 21, dlgs. 150/2011


CHI PUO' RICHIEDERLO
Il sindaco su proposta del medico specialista e convalida di una struttura pubblica.


COME SI RICHIEDE e DOCUMENTI NECESSARI
Il sindaco emette l'ordinanza ed, entro 48 ore dal ricovero, tramite messo comunale, notifica il
provvedimento al giudice tutelare nella cui circoscrizione rientra il comune.


DOVE SI RICHIEDE
Tribunale di Milano - Sezione 8 civile (ex Sezione IX civile Bis - Minori e Soggetti Deboli) - via San Barnaba 50 - 20122 Milano
Orario: da lunedi a venerdi dalle ore 9,00 alle ore 13,00
sabato dalle ore 9,00 alle ore 13,00 atti urgenti
(orario di erogazione dei numeri dalle ore 8,45 alle ore 12,30)


QUANTO COSTA
La richiesta di trattamento sanitario obbligatorio non comporta alcun costo.


TEMPI
Entro 48 ore dalla notificazione del provvedimento del sindaco che dispone il trattamento sanitario obbligatorio.


MODULI STANDARD
No

 


POSSIBILITA DI IMPUGNAZIONE
Si. Chi e sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio, e chiunque vi abbia interesse, puo' proporre ricorso contro il provvedimento convalidato dal giudice tutelare. Le controversie sono regolate dal rito sommario di cognizione. E' competente il tribunale in composizione collegiale e al giudizio partecipa il pubblico ministero. Nel giudizio di primo grado le parti possono stare in giudizio personalmente e farsi rappresentare da persona munita di mandato scritto in calce al ricorso o in atto separato. Il ricorso puo' essere presentato a mezzo del servizio postale.

Il sindaco puo' proporre analogo ricorso avverso la mancata convalida del provvedimento che dispone il trattamento sanitario obbligatorio.

Alle controversie previste dal presente articolo si applica l'art. 21 del Dlgs 01/09/2011, n. 150