Benvenuto sul sito del Tribunale di Milano

Tribunale di Milano - Ministero della Giustizia

Tribunale di Milano
Ti trovi in:

Fondo di solidarieta a tutela del coniuge in stato di bisogno

COS'È

 

La Legge di stabilita 2016, per gli anni 2016 e 2017, ha istituito presso il Ministero della Giustizia un Fondo di solidarieta a tutela del coniuge in stato di bisogno, per sostenere economicamente il coniuge in caso di inadempimento dell’obbligo di mantenimento, prevedendo una dotazione di 250.000 euro per il 2016 e di 500.000 euro per il 2017. La legge 208 del 2015 prevede che l’istituzione di questa misura di sostegno abbia carattere sperimentale e chiarisce che la sperimentalita della misura comporta la sua applicazione solo in relazione ad alcuni Tribunali: il Tribunale di Milano e tra i Tribunale indicati per la presentazione delle istanze.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Art. 1 commi 414 - 416, Legge 208/2015; D.M. Min. Giustizia, 15 dicembre 2016

Entrata in vigore: dal 13 febbraio 2017. Dalla data del 13 febbraio 2017 e possibile scaricare il modulo (FORM), in un'area dedicata denominata «Fondo di solidarieta a tutela del coniuge in stato di bisogno» del sito internet del Ministero (www.giustizia.it).

Per scaricare il modulo: https://www.giustizia.it/giustizia/it/mg_3_2_4.page?tab=m

CHI PUO'RICHIEDERLO

Il coniuge in stato di bisogno che non e in grado di provvedere al mantenimento proprio e dei figli minori, oltre che dei figli maggiorenni portatori di handicap grave, conviventi, qualora non abbia ricevuto l'assegno determinato ai sensi dell'articolo 156 del codice civile per inadempienza del coniuge che vi era tenuto, puo rivolgere istanza da depositare nella cancelleria del tribunale del luogo ove ha residenza, per l'anticipazione di una somma non superiore all'importo dell'assegno medesimo. Il presidente del tribunale o un giudice da lui delegato, ritenuti sussistenti i presupposti di cui al periodo precedente, assumendo, ove occorra, informazioni, nei trenta giorni successivi al deposito dell'istanza, valuta l’ammissibilita dell'istanza medesima e la trasmette al Ministero della giustizia ai fini della corresponsione della somma di cui al periodo precedente. Il Ministero della giustizia si rivale sul coniuge inadempiente per il recupero delle risorse erogate. Quando il presidente del tribunale o il giudice da lui delegato non ritiene sussistenti i presupposti per la trasmissione dell'istanza al Ministero della giustizia, provvede al rigetto della stessa con decreto non impugnabile.

Il Tribunale di Milano e competente per il Distretto della Corte di Appello di Milano.

DOVE SI RICHIEDE

 

 

COME SI RICHIEDE e DOCUMENTI NECESSARI

Puo accedere al Fondo esclusivamente il coniuge separato che:

1.     sia convivente con figli minori o figli maggiorenni portatori di handicap grave;

2.     non abbia ricevuto l’assegno periodico a titolo di mantenimento per inadempienza del coniuge che vi era tenuto;

3.     abbia il proprio valore dell’indicatore ISEE o dell’ISEE corrente in corso di validita inferiore o uguale a euro 3.000,00;

4.     abbia infruttuosamente esperito le procedure di recupero del credito nei confronti del coniuge inadempiente.

Informazioni sul procedimento possono essere richieste presso l’U.R.P.

L'istanza e redatta in conformita al modulo (FORM), disponibile sul sito internet del Ministero (www.giustizia.it). L'istanza deve in ogni caso contenere, a pena di inammissibilita e con dichiarazione resa ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni: a. le generalita e i dati anagrafici del richiedente; b. il codice fiscale; c. l'indicazione degli estremi del proprio conto corrente bancario o postale; d. l'indicazione della misura dell'inadempimento del coniuge tenuto a versare l'assegno di mantenimento, con la specificazione che lo stesso e maturato in epoca successiva all'entrata in vigore della legge; e. l'indicazione se il coniuge inadempiente percepisca redditi da lavoro dipendente e, nel caso affermativo, l'indicazione che il datore dei lavoro si e reso inadempiente all'obbligo di versamento diretto a favore del richiedente a norma dell'art. 156, sesto comma, del codice civile; f. l'indicazione che il valore dell'indicatore ISEE o dell'ISEE corrente in corso di validita e inferiore o uguale a euro 3.000; g. l'indirizzo di posta elettronica ordinaria o certificata a cui l'interessato intende ricevere ogni comunicazione relativa all'istanza; h. la dichiarazione di versare in una condizione di occupazione, ovvero di disoccupazione ai sensi dell'art. 19 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 150, senza la necessita della dichiarazione al portale nazionale delle politiche del lavoro di cui all'art. 13 del medesimo decreto; in caso di disoccupazione, la dichiarazione di non aver rifiutato offerte di lavoro negli ultimi due anni. Quando dalla DSU (n.b. la dichiarazione sostitutiva unica a fini ISEE, di cui all'art. 10 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 5 dicembre 2013, n. 159, utilizzata per l'accesso al beneficio) ovvero dalla dichiarazione dei redditi risulta che tra i redditi percepiti nel secondo anno solare precedente alla presentazione della stessa vi sono assegni di mantenimento dovuti dal coniuge e non percepiti in tutto o in parte, gli importi relativi devono essere indicati separatamente nell'istanza ai fini della detrazione degli stessi per la determinazione dell'ISEE o dell'ISEE corrente.

All'istanza deve essere allegata a pena di inammissibilita: a. copia del documento di identita del richiedente; b. copia autentica del verbale di pignoramento mobiliare negativo, ovvero copia della dichiarazione negativa del terzo pignorato relativamente alle procedure esecutive promosse nei confronti del coniuge inadempiente; c. visura rilasciata dalla conservatoria dei registri immobiliari delle province di nascita e residenza del coniuge inadempiente da cui risulti l'impossidenza di beni immobili; d. l'originale del titolo che fonda il diritto all'assegno di mantenimento, ovvero di copia del titolo munita di formula esecutiva rilasciata a norma dell'art. 476, primo comma, del codice di procedura civile.

COSTI

 marca da bollo da € 27,00.

TEMPI

Il Tribunale decide nei trenta giorni successivi alla presentazione dell’istanza.

POSSIBILITÀ DI IMPUGNAZIONE

Quando il presidente del tribunale o il giudice da lui delegato non ritiene sussistenti i presupposti per la trasmissione dell'istanza al Ministero della giustizia, provvede al rigetto della stessa con decreto non impugnabile

Procedura

Il presidente del tribunale, o un giudice da lui delegato, nei trenta giorni successivi al deposito dell’istanza, ne valuta l’ammissibilita e la trasmette al Dipartimento per gli affari di giustizia del Ministero della giustizia sia nel caso in cui la ritenga ammissibile (ai fini della corresponsione della somma spettante), sia nel caso in cui la ritenga inammissibile (indicando, in tal caso le ragioni).

Il Fondo, sulla base del provvedimento adottato dal presidente del tribunale, provvede, alla scadenza di ogni trimestre, alla liquidazione delle istanze accolte, nei limiti delle risorse finanziarie in dotazione al Fondo e secondo criteri di proporzionalita.

In ogni caso, all’avente diritto non puo essere corrisposta, in relazione a ciascun rateo mensile dell’assegno di mantenimento, una somma eccedente la misura massima mensile dell’assegno sociale

NOTA BENE

DOVE SI DEPOSITA

L’istanza deve essere presentata presso la cancelleria della volontaria giurisdizione del Tribunale di Milano (Tribunale di Milano, Ingresso degli Uffici giudiziari, Via Freguglia 1, ascensori centrali, sesto piano). La cancelleria non puo svolgere alcun controllo di MERITO o di RITO sui moduli presentati, ma puo limitarsi a riceverli.

ASSISTENZA DI UN DIFENSORE

L'assistenza di un avvocato e indispensabile.

MODULI STANDARD

- FORM, sul sito del Ministero della Giustizia. L’istanza deve essere presentata in conformita al modulo ministeriale, a pena di inammissibilita.

Torna a inizio pagina Collapse