Benvenuto sul sito del Tribunale di Milano

Tribunale di Milano - Ministero della Giustizia

Tribunale di Milano
Ti trovi in:

Pene sostitutive ex art. 545 bis C.P.P.

COS'È

La riforma Cartabia ha introdotto l’art. 545 bis c.p.p. secondo cui in presenza delle condizioni per sostituire la pena detentiva e laddove il difensore munito di procura speciale lo richieda, il giudice, dopo la lettura del dispositivo, ne dà avviso alle parti e, se non è possibile decidere immediatamente, sospende il processo e fissa un’apposita udienza entro sessanta giorni, dandone contestuale avviso alle parti e all’UEPE.

Le pene sostitutive sono la semilibertà o la detenzione domiciliare se la pena è contenuta nel limite di quattro anni di reclusione; il lavoro di pubblica utilità, se la pena è contenuta nel limite di tre anni di reclusione e la pena pecuniaria se il giudice ritiene di contenere la pena entro un anno di reclusione, determinando la pena pecuniaria ai sensi dell’art. 56 quater L. 689/81.

Più specificamente, poi, in caso di pena pecuniaria sostitutiva, il difensore potrà produrre documentazione inerente al reddito ed al patrimonio e ogni altro documento che consenta al giudice di commisurare il valore giornaliero della pena pecuniaria sostitutiva e disporre l’eventuale rateizzazione.

In caso di lavoro di pubblica utilità sostitutivo, il difensore dovrà indicare l’ente nell’ambito di quelli indicati nella convenzione siglata con il Tribunale. 

In caso di semilibertà sostitutiva, occorre individuare le attività che l’individuo potrebbe svolgere durante il giorno, tenendo presente che tale pena presuppone indefettibilmente il programma di trattamento redatto dall’UEPE con il quale il difensore può/deve interloquire.

In caso di detenzione domiciliare sostitutiva il difensore dovrà fornire la documentazione necessaria a consentire al Tribunale di disporre la pena sostitutiva con le relative prescrizioni generali, gli orari nei limiti previsti dalla legge e le specifiche condizioni di fatto.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Artt. 545 bis c.p.p.

CHI PUO'RICHIEDERLO

L'interessato con l'assistenza di un difensore munito di procura speciale.

COME SI RICHIEDE e DOCUMENTI NECESSARI

La domanda deve essere presentata presso l'ente convenzionato

Elenco convenzioni

31.01.24  Elenco contatti LPU e MAP

Protocollo d'Intesa direttissime Comune di Milano-Tribunale di Milano - 3 luglio 2018

Convenzioni/Protocolli LPU/MAP nazionali - link al sito del Ministero della Giustizia


ENTI CHE VOGLIONO CONVENZIONARSI

Per gli Enti che intendano convenzionarsi con il Tribunale di Milano per i Lavori di Pubblica Utilità:

BANDO APERTO L.P.U.

Modulo dichiarazione sostitutiva di certificazioni

Dichiarazione di disponibilita' per lo svolgimento di lavoro di pubblica utilita'

Dati di contatto dello UEPE-Continua

ASSISTENZA DI UN DIFENSORE

 L'assistenza di un difensore e' indispensabile.

Torna a inizio pagina Collapse